venerdì 23 febbraio 2018

SALUTE PLUS INTERVISTA LUCA SCANTAMBURLO: INVITO AL CONVEGNO DI VERONA, 11 MARZO 2018




Intervista a Luca Scantamburlo, divulgata in Rete in data 22 febbraio 2018, a cura di Salute Plus, di Luca Marton (To Be Plus Edizioni, Treviso), una testata indipendente veneta trimestrale dedicata alla salute (medicina e benessere)
http://saluteplus.eu/

canale YouTube di Salute Plus,
Luca Scantamburlo, genitore e cittadino informato.
Relatore al convegno del 11 Marzo 2018 
"L'autodeterminazione del cittadino" a Verona.
Fonte: https://www.youtube.com/watch?v=wolSQaEIGeo

2 commenti:

  1. Siete dei disinformatori professionali. Mai una volta che questi argomenti siano trattati da esperti veri e non da ignoranti presuntuoso come quelli che abbiamo sentito in questo filmato. Solo cialtroni. Se siete vivi è anche perché da bimbi siete stati vaccinati e ora volete mettere a rischio la vita dei nostri bambini.

    RispondiElimina
  2. Gentile signora
    ho pubblicato il suo commento offensivo nei nostri riguardi, per dimostrarle cosa vuol dire essere persone civili, ma è una eccezione che faccio solo questa volta:
    1) io, a differenza di terzi (come i giornali da me contattati nei mesi scorsi, che hanno ignorato la notizia di reato da me data, violando la deontologia professionale) cerco il dialogo, ma come vede, Lei risponde con insulti;
    2) la Magistratura inquirente di Udine e Roma, è rimasta persuasa dalle carte e documentazioni da me portate a marzo 2017 e luglio 2017, in quanto sono io ad essere preoccupato per la sicurezza dei prodotti iniettabili, dunque con le mie azioni civili sto indirettamente tutelando anche i Suoi figli, se ne ha, perché Lei avrà, se le azioni giudiziarie avranno frutti, farmaci più sicuri e controllati; dunque Lei, insultando me e l'intervistatore, sta dando indirettamente degli incompetenti non solo ai NAS CC Carabinieri, di Torino e Roma che investigano, ma anche ai magistrati di Torino e Roma, che lavorano;
    3) se Lei si informasse, scoprirebbe che il vaccino antipolio Salk (IPV) attualmente in uso dal 2002 (perché il vaccino antipolio Sabin, OPV, a virus vivo ed attenuato, somministrato per via orale, è stato sospeso per motivi di sicurezza sia in USA sia in Italia, in quanto diversi bambini nel passato avevano contratto la poliomiliete vaccino-associato, negli ultimi anni, dopo gli ultimi casi di casi da virus selvaggio del 1982), tale vaccino IPV Salk, è un vaccino che garantisce sì una discreta protezione individuale, ma non è in grado di garantire interruzione di catena di contagio, in caso di epidemia di polio virus, dunque non ha effetto gregge;
    4) per il vaccino antidifterico, stessa cosa, non garantisce interruzione di contagio ma solo protezione individuale;
    5) stessa cosa per il tetano, malattia infettiva, ma non contagiosa; per il vaccino antipertosse, studi sui primati hanno dimostrato che la vaccinazione non interrompe la catena di contagio;
    6) dunque, come vede, la mancata vaccinazione per tre delle più temibili malattie, e per la quarta preoccupante per gli infanti, delle 10 per cui è prevista la vaccinazione obbligatoria, non pregiudica la sicurezza degli spazi pubblici;

    Si informi prima di parlare, dando voce a slogan ripetuti senza poi esercitare il pensiero critico, e si ricordi gli insegnamenti di tolleranza e di civiltà dell'Illuminismo francese ed europeo, senza i quali, saremmo ancora bestie che si scannano in pubblica piazza, in caso di controversie.

    Cordialmente
    Luca Scantamburlo

    RispondiElimina